Signor Ministro, come rappresentanti della maggioranza delle organizzazioni sindacali del personale della Polizia di Stato, Le esprimiamo viva preoccupazione per l’assenza di un confronto preventivo riguardante le decisioni che il Governo intende assumere con la prossima manovra finanziaria per il personale e per il sistema sicurezza del Paese.

Infatti, pur esprimendo apprezzamento per l’approvazione di un emendamento del Governo per il tour – over anche per il personale della Polizia di Stato, tuttavia non possiamo non manifestarLe la nostra forte contrarietà, per ragioni di metodo e di merito, sul percorso finora seguito per l’approvazione della legge finanziaria per il 2010. Nel metodo, possiamo oggettivamente segnalare come sia venuto meno l’impegno da Lei assunto e ribadito nel corso di almeno due precedenti incontri con le rappresentanze sindacali della Polizia di Stato, di mantenere vivo e costante un dialogo con le parti sociali sulle più importanti problematiche tra le quali certamente rientrano i contenuti della legge finanziaria. Siamo costretti, invece, a registrare l’assoluta assenza di dialogo e d’informazioni precise e certe sulle reali intenzioni dellEsecutivo in tema di sicurezza e sulla disponibilità complessiva di risorse economiche aggiuntive per valorizzare la specificità professionale, per avviare la riforma ordinamentale delle carriere del Comparto Sicurezza e Difesa e per l’immediato avvio dei tavoli per la previdenza complementare, al fine di salvaguardare il futuro dei colleghi più giovani. Il nostro forte disappunto è motivato dalla convinzione che le scelte che il Governo si avvia ad attuare con la legge finanziaria, rischiano seriamente di non mantenere fede agli impegni che anche Lei, come altri eminenti esponenti dell’Esecutivo si sono assunti, in momenti istituzionali, in occasioni pubbliche e con interventi sui mass media, anche in occasione delle recenti significative operazioni di polizia. Si tratta di stabilire con chiarezza le risorse che il Governo intende stanziare per l’anno 2010 per assolvere agli impegni assunti con gli operatori della sicurezza e con i cittadini per migliorare e qualificare il sistema sicurezza del Paese. Per consentire un sereno e proficuo confronto sul merito dei problemi e per dare continuità e concretezza al metodo condiviso di basare un corretto sistema di relazioni sindacali sul rispetto reciproco dei ruoli, La preghiamo di voler programmare un urgente incontro con le scriventi organizzazioni sindacali, prima del varo della legge finanziaria. RingraziandoLa per la cortese disponibilità, si resta in attesa di un riscontro.

 

IL COMUNICATO IN ORIGINALE